Bonus sociale: GAS, LUCE & ACQUA automatico dal 1° gennaio 2021

Il bonus sociale è stato reso automatico con l’inizio del nuovo anno, dal 1° gennaio 2021. Lo dichiara l’Autorità per l’Energia (ARERA) in accordo con ANCI e l’INPS. Il bonus sociale consiste in uno sconto sulle rispettive bollette di acqua, luce e gas sotto forma di bonus per risparmiare in bolletta. Questi 3 aiuti saranno automatici nella richiesta e nel rinnovo dal nuovo anno. 

Rimane invariato il bonus elettrico per disagio fisico riservato a chi, per ragioni mediche, ha bisogno di maggiori quantitativi di elettricità. Quest’ultimo richiede il disagio medico comprovabile dall’attestazione dell’ASL e non prevede istanze di rinnovo. Gli altri tre bonus prevedono il requisito del disagio economico con un massimale ISEE di 8.265 euro che sale a 20.000 euro con almeno 4 figli. 

Il bonus luce è lo sconto sulla propria bolletta luce e varia a seconda dei componenti del nucleo familiare. Se il nucleo ha due componenti, lo sconto sarà di € 125; con tre-quattro sarà di € 148 e con più di quattro componenti arriva a € 173. L’importo non è influenzato dal fornitore ed è emesso su 12 mensilità. 

Il bonus gas riduce l’importo delle bollette del gas. È determinato dal luogo di residenza, dalla destinazione d’uso e da quanti sono nel nucleo familiare (una voltura o subentro gas non impediscono l'erogazione del bonus). L’ammontare dello sconto va da 32 euro sino ad un massimo di 264 euro e può essere attribuito direttamente in bolletta (clienti diretti) o tramite bonifico in posta (clienti indiretti).  

Il bonus acqua copre un fabbisogno di circa 50 litri d’acqua al giorno con uno sconto sulla tariffa idrica. L’importo di tale riduzione dipende dal fornitore e si deve quindi consultarne il sito. L’erogazione avviene direttamente in bolletta per gli utenti diretti oppure tramite pagamento tracciabile per quelli indiretti. 

Inoltre, le famiglie italiane con un ISEE sotto i 20.000 euro possono richiedere il Bonus pc e internet prima della sua scadenza, 1 ottobre 2021, per beneficiare del sostegno che consiste in uno sconto finale fino a € 500 ripartiti tra connettività (tra € 200 e € 400 da utilizzare ad esempio per velocizzare connessione lenta) e fornitura pc/tablet (tra €100 e €300). Si deve compilare il modulo allegando un documento e codice fiscale e inoltrare la domanda ad un operatore telefonico registrato così da beneficiare dello sconto sulla propria tariffa.

DOTE SCUOLA

Dote scuola è un nuovo intervento previsto dalla legge regionale 24/2020 per rendere effettivo il diritto allo studio in FVG. Si tratta di un contributo forfettario erogato da ARDIS ai nuclei familiari, residenti in regione, che comprendono al loro interno studenti iscritti alle scuole secondarie di secondo grado.
L’intervento è disciplinato dall’articolo 9 della legge regionale 13/2018 e sostituisce, in un’ottica di razionalizzazione degli interventi regionali in materia di diritto allo studio, il precedente intervento denominato “Assegni per il trasporto scolastico e acquisto libri di testo”.


Modalità e tempistiche di presentazione della domanda di contributo

La presentazione della domanda avviene unicamente in modalità online. Per accedervi, il richiedente deve essere in possesso di un'identità digitale appartenente ad uno dei seguenti sistemi di seguito indicati. In via preferenziale si consiglia di dotarsi di SPID - Sistema Pubblico di Identità Digitale; sarà possibile accedere anche tramite CRS – Carta regionale dei servizi attiva o CNS - Carta nazionale dei servizi (tramite supporti Business Key, Smart Card o OTP). Maggiori informazioni disponibili nella seguente news.

La domanda può essere inoltrata da martedì 23 marzo ore 10.00 fino a mercoledì 12 maggio entro le ore 16.00 accedendo al link -> domanda online dote scuola e borsa di studio statale

Contestualmente alla richiesta di Dote Scuola, all'interno del modulo online, gli aventi diritto possono procedere alla richiesta della borsa di studio statale. Per maggiori informazioni visitare il seguente link: borsa di studio statale. 

 

Destinatari

Nuclei familiari residenti in regione con, al proprio interno, studenti iscritti alla scuola secondaria di secondo grado ed in possesso dei requisiti sotto elencati.

 

Tipologia di intervento

Ai nuclei familiari richiedenti e nel limite delle risorse disponibili, ARDiS eroga il contributo unico DOTE SCUOLA per il trasporto scolastico e l'acquisto di libri di testo.

La Giunta regionale approva le linee guida triennali in cui determina l'importo della DOTE SCUOLA e, ai fini dell'ammissibilità al beneficio, tre fasce ISEE, articolate per valore crescente e per corrispondente ordine di priorità per la concessione del beneficio stesso, nel caso in cui le risorse disponibili siano inferiori all'ammontare del fabbisogno complessivo.

L’importo forfettario del contributo viene determinato considerando la distanza tra la residenza dello studente e la scuola frequentata e l’attivazione o meno del servizio di comodato gratuito dei libri di testo da parte della scuola frequentata.

La DOTE SCUOLA è cumulabile con analoghi contributi statali e comunali.


Requisiti

 •Iscrizione in una scuola secondaria di secondo grado statale o paritaria
•Residenza in Friuli Venezia Giulia
•Indicatore della situazione economica equivalente ISEE in corso di validità per l'anno 2021 non superiore a 33.000,00 euro

Per maggiori informazioni e aggiornamenti consultare il sito dell'ARDIS

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A CARATTERE ANNUALE AD ENTI ED ASSOCIAZIONI OPERANTI NEL COMUNE DI RESIA

Il Comune di Resia concede annualmente alle Associazioni operanti sul territorio comunale, il “contributo annuale per attività di carattere continuativo” previsto dal vigente  “Regolamento per la concessione di contributi e del patrocinio comunale”, approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41, del 25 novembre 2011, successivamente modificato con deliberazione consiliare n. 49, dd. 16/12/2017.

Le domande di contributo vanno presentate al Comune di Resia entro il 30 aprile di ogni anno, con le seguenti modalità:
- spedizione postale a mezzo raccomandata a.r. indirizzata a:
Comune di Resia – Via Roma, n. 21 – 33010 RESIA (UD)
(farà fede la data del timbro postale purché la raccomandata pervenga all’ufficio protocollo dell’Ente entro i 15 giorni successivi al giorno di scadenza indicato nel bando);
- trasmissione a mezzo PEC all’indirizzo comune.resia@certgov.fvg.it

CONTRIBUTI PER I PROPRIETARI DI ALLOGGI DA AFFITTARE A FAVORE DI LOCATARI MENO ABBIENTI

Gli incentivi per il sostegno alle locazioni a favore dei privati cittadini che mettono a disposizione i loro alloggi, sfitti da almeno due anni, a favore di locatari meno abbienti sono previsti dall’articolo 19 della legge regionale 19 febbraio 2016, n. 1, recentemente modificata dalla L.R. 6 novembre 2018 n. 24, e sono disciplinati da apposito Regolamento di esecuzione approvato con Decreto del Presidente della Regione 27 marzo 2018 n. 87 (D.P.Reg 87/2018).
La domanda può essere presentata esclusivamente a mano dal richiedente il contributo al Comune ove ha sede l’alloggio da locare prima della stipula del contratto di locazione, a mezzo del modello predisposto dalla competente Direzione Regionale.
E’ possibile presentare domanda in qualsiasi momento dell’anno.
La documentazione è disponibile e/o scaricabile in calce.
L’ufficio ragioneria è a disposizione per qualsivoglia informazione e/o chiarimento (tel. 0433/53001 int. 2022) dal lunedì al venerdì con orario: 09:00 - 12:00.

BONUS ELETTRICO STATALE

RICHIESTA PER DISAGIO FISICO:

Hanno diritto al “Bonus elettrico per disagio fisico” tutte le famiglie presso le quali vive una persona in gravi condizioni di salute costretta ad utilizzare apparecchiature elettromedicali necessarie per l'esistenza in vita.

Il bonus a favore delle famiglie in condizione di disagio fisico non ha termini di validità e sarà applicato senza interruzioni fino a quando sussisterà la necessità di utilizzare apparecchiature domestiche elettromedicali. 

RICHIESTA PER DISAGIO ECONOMICO:

Possono presentare la domanda per il “Bonus elettrico per disagio economico” tutti i cittadini intestatari di una fornitura elettrica (non è più necessario che la fornitura corrisponda all’indirizzo di residenza) di potenza impegnata inferiore a 3kW e in possesso di un’attestazione ISEE con valore fino a 8.265 euro.

La domanda può essere presentata anche da un soggetto non intestatario di contratto purché appartenente al medesimo nucleo familiare dell'intestatario. Nei casi di nuclei familiari con quattro e più figli a carico il limite dell'ISEE sale a 20.000,00 euro e quello della potenza impegnata a 4,5kW.

A partire dal 1° gennaio 2021 il bonus sociale che copre le utenze acqua, luce e acqua sarà reso automatico nella sua richiesta e rinnovo grazie all’accordo tra ANCI, ARERA ed INPS. Il bonus include i bonus acqua, gas e luce ed è rivolto alle famiglie in difficoltà economiche con un ISEE fino a 8.265 euro e fino a 20.000 euro per le famiglie con almeno 4 figli a carico. Pertanto, per i bonus per disagio economico, non sarà necessario presentare domanda ma sarà sufficiente richiedere l'attestazione ISEE. Se il nucleo familiare rientrerà nelle condizioni che danno diritto al bonus, l'INPS invierà i dati necessari al Sistema Informativo Integrato (SII) che provvederà ad incrociare i dati ricevuti con quelli relativi alle forniture di elettricità, gas e acqua, consentendo l'erogazione automatica del bonus agli aventi diritto.

Si ricorda che:
Il bonus acqua è lo sconto sulla tariffa idrica e vale per circa 50 litri d'acqua al giorno. L'entità dello sconto dipende dal proprio fornitore di cui si deve consultare il sito. L'erogazione ha luogo tramite pagamento verificabile per gli utenti indiretti con fornitura centralizzata e direttamente in bolletta per quelli diretti con fornitura individuale.

Il bonus gas è una riduzione dell’utenza del gas sulla base di tre parametri: destinazione d’uso, nucleo familiare e residenza. L'importo può variare da € 32 a € 264 e può essere erogato tramite bonifico postale per i clienti indiretti e in bolletta per quelli diretti.

Il bonus luce permette un risparmio sulla bolletta elettrica e dipende da quante persone compongono il nucleo familiare. Due componenti equivalgono a € 125 di risparmio, a € 148 per quattro persone e si arriva a € 173 per più di quattro membri. Il fornitore non ha ruolo nello sconto che è ripartito su 12 mesi.

Per ogni altra informazione o chiarimento e per ricevere assistenza è possibile contattare il Call Center SGAte al numero verde 800192719 oppure scrivere all'indirizzo di posta elettronica sgate@anci.it

I modelli di domanda sono reperibili nel sito internet dello Sgate

CARTA FAMIGLIA

La Carta Famiglia è uno strumento a sostegno delle famiglie con figli a carico.
La Carta viene rilasciata dal Comune ai nuclei familiari con almeno un figlio a carico e in cui almeno uno dei genitori sia residente nel territorio regionale da almeno 24 mesi (art. 12 bis, L.R. 11/2006).
A seconda del numero di figli a carico, viene assegnata la fascia di intensità del beneficio (bassa a chi ha un solo figlio, media a chi ne ha due, alta a chi ne ha tre o più).
La fascia di appartenenza determina la misura dell’agevolazione: maggiore è il numero dei figli, maggiore sarà il beneficio.
La Carta vale 12 mesi dalla sua emissione, poi va rinnovata.

Ne hanno diritto le famiglie con questi requisiti:

- deve far parte della famiglia almeno un figlio a carico. Con figlio a carico si intende il figlio fiscalmente a carico. Sono fiscalmente a carico i figli che nell’anno precedente hanno posseduto redditi, che concorrono alla formazione del reddito complessivo al lordo degli oneri deducibili, di importo fino a 4.000 euro se di età non superiore a ventiquattro anni e a 2.840,51 euro se di età superiore a ventiquattro anni.

- il nucleo familiare deve essere in possesso di un Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE di tipo ordinario) non superiore a 30.000 euro;
- almeno uno dei genitori deve essere residente nel territorio regionale da almeno 24 mesi.

La domanda di Carta Famiglia può essere presentata in qualsiasi momento dell'anno al Comune di residenza.

La domanda può essere presentata da:
- uno dei genitori;
- il genitore separato o divorziato che ha cura dell’ordinaria gestione del figlio a carico e che con esso convive; 
- uno dei genitori adottivi o affidatari, fin dall’avvio dell’affidamento preadottivo; 
- la persona singola o uno dei coniugi delle famiglie affidatarie di minori ai sensi della legge 4 maggio 1983, numero 184 (Diritto del minore a una famiglia).

Chi presenta la domanda deve essere residente in Friuli Venezia Giulia al momento della presentazione stessa.

Ai fini della presentazione della domanda, va compilato un modello di richiesta nel quale va dichiarato il possesso di attestazione ISEE del proprio nucleo familiare in corso di validità ed eventualmente vanno presentati i documenti di volta in volta richiesti per l’attivazione dei singoli benefici.
Il Comune verifica la sussistenza dei requisiti d’accesso, provvede all’inserimento dei dati nel sistema e rilascia un'attestazione (identificativo di Carta Famiglia) che va conservata.

La Carta Famiglia può essere richiesta anche tramite il sistema informatico Istanze OnLine. Per effettuare la richiesta è necessario essere in possesso di SPID (Sistema pubblico di Identità Digitale) o di CRS (Carta Regionale dei Servizi). Maggiori informazioni ai link dedicati.

La Carta Famiglia è valida per 12 mesi dalla sua emissione.

Per rinnovarla è necessario farsi rilasciare un nuovo ISEE e dichiararne il possesso al Comune.

Attenzione! Il titolare è tenuto ad avvertire prontamente il Comune in caso di furto, distruzione o smarrimento dell'identificativo nonché di trasferimento della residenza fuori regione o in diverso comune della regione.

La Carta Famiglia può essere revocata in caso di violazioni alla normativa relativa al suo utilizzo.

INCENTIVO REGIONALE ALLA NATALITÀ E AL LAVORO FEMMINILE - NATI O ADOTTATI NEL 2021

È un incentivo per le nascite e le adozioni di minori nati o adottati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021.

L'importo dell'incentivo è di 1.200 euro, viene corrisposto per una sola annualità (2021) ed è cumulabile con ogni altro beneficio previsto nell’ordinamento vigente a favore della natalità e della genitorialità e per il sostegno al reddito delle famiglie. 

Ha diritto all'incentivo chi è titolare di Carta famiglia per ogni figlio nato a adottato dal 1°gennaio al 31 dicembre 2021.

I requisiti per ottenere la Carta famiglia sono:

-        avere un figlio fiscalmente a carico;

-        almeno uno dei genitori risieda nel territorio regionale da almeno 24 mesi (art. 12 bis, L.R. 11/2006).

Il nucleo familiare deve essere in possesso di ISEE minorenni pari o inferiore a 30.000 euro in corso di validità.

 

Al momento della presentazione della domanda il richiedente e il figlio devono essere residenti in Friuli Venezia Giulia e il nuovo nato/adottatodeve essere inserito nella Carta famiglia.

La domanda deve essere presentata esclusivamente al Comune di residenza, che gestisce l’intervento, entro 180 giorni dalla nascita o dall'adozione.

INCENTIVO COMUNALE ALLA NATALITÀ E AL LAVORO FEMMINILE PER L’ANNO 2021

È un incentivo per le nascite e le adozioni di minori nati o adottati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021.

L'importo dell'incentivo è di 2.000 euro ed è cumulabile con ogni altro beneficio previsto nell’ordinamento vigente a favore della natalità e della genitorialità e per il sostegno al reddito delle famiglie. 

Deve essere presentata all’Ente intestato, entro sei mesi dalla nascita o dall’effettivo ingresso del minore nel nucleo familiare, la relativa domanda di contributo da parte del genitore in possesso dei requisiti.

Il richiedente deve avere, alla data di presentazione della domanda, un Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) MINORENNI, pari o inferiore a 30.000,00 euro;

Il richiedente e il figlio, al momento della domanda, devono essere residenti in Friuli Venezia Giulia e il nuovo nato/adottatodeve essere inserito nella Carta famiglia.

La domanda deve essere presentata esclusivamente al Comune di residenza, che gestisce l’intervento, entro 180 giorni dalla nascita o dall'adozione.